Raganella italiana - amatafoto

Vai ai contenuti

Menu principale:

Raganella italiana

Hyla intermedia (Boulenger, 1882)
Raganella italiana
Parco dei Nebrodi  _  6 luglio 2013


È una raganella di dimensioni medio-piccole, che raggiunge una lunghezza di 4-5 cm.
Per molti versi è estremamente simile a Hyla arborea: la colorazione del dorso è di colore verde brillante, con ventre biancastro nettamente demarcato da una linea di colore dal grigio al beige. Dall'occhio si diparte una evidente striscia nera laterale che si prolunga fino all'inserzione dell'arto inferiore. Il maschio possiede un sacco vocale sotto la gola, che gonfiato raggiunge quasi la grandezza del corpo. Le dita sono dotate di cuscinetti adesivi. È una specie insettivora. Queste raganelle raggiungono le raccolte d'acqua dove si riproducono (pozze temporanee, laghi, canali, fiumi a corrente lenta) a fine primavera. I maschi emettono canti udibili anche a grande distanza per attirare le femmine. L'amplesso è ascellare, la fecondazione esterna. Questa specie depone molte meno uova rispetto alle rane ed ai rospi, solo alcune centinaia.
L'areale di questa specie è prevalentemente ristretto all'Italia (compresa la Sicilia ed esclusa la Sardegna). Piccole popolazioni
sono presenti nella Svizzera meridionale e nella Slovenia occidentale.
Ha un range altitudinale che va dal livello del mare sino a 1.855 m s.l.m. .
In passato questa entità veniva considerata considerata una semplice varietà di Hyla arborea (H. arborea var. intermedia). Studi genetici hanno definito le popolazioni italiane come facenti parte di una specie a sé stante, per la quale fu inizialmente proposto il nome di H. italica (Nascetti et al., 1995). Successivamente le è stato attribuito il nome attuale di H. intermedia.

Descrizione scientifica da:    http://it.wikipedia.org/wiki/Hyla_intermedia



Vai a:  Anfibi

 
Torna ai contenuti | Torna al menu