Ophrys bertolonii subsp. explanata - amatafoto

Vai ai contenuti

Menu principale:

Ophrys bertolonii subsp. explanata

Orchidee > Ophrys specie

Ophrys bertolonii subsp. explanata  (Lojac.) Soca, 2001
R.N.O. Torre Salsa (AG)  marzo-aprile

È una pianta erbacea alta 10–30 cm.
L'infiorescenza, lassa, raggruppa da 2 a 5 fiori, più piccoli rispetto a quelli della Ophrys bertolonii subsp. bertolonii, con sepali, ovato-lanceolati, e petali, acuti e triangolari, di colore dal bianco al rosa.
Il labello è a forma di sella, meno incurvato rispetto a quello della sottospecie nominale, ricoperto da una fitta peluria bruno-nerastra, con una macula glabra, lucida, di colore grigio-violaceo; presenta una appendice apicale verdastra, anch'essa glabra e rivolta verso l'alto. Il ginostemio è allungato e appuntito, con cavità stigmatica più larga che alta. Altro carattere distintivo rispetto alla sottospecie nominale è la posizione degli pseudo-occhi, collocati a ridosso della cavità stigmatica.
Fiorisce da marzo a metà aprile, 2-3 settimane in anticipo rispetto alla sottospecie nominale.
Si riproduce per impollinazione entomofila ad opera dell'imenottero Megachile sicula (Megachilidae).
È una specie endemica della Sicilia, ove è segnalata nei dintorni di Palermo e nella Sicilia sud-orientale.
Cresce su garighe e praterie, da 0 a 800 m di altitudine, prediligendo i suoli calcarei.
Descritta originariamente come una mera varietà di Ophrys bertolonii (O. bertolonii var. explanata Lojac., 1908), questa entità è considerata da Pierre Delforge come una specie a sè stante (Ophrys explanata).
Il Gruppo Italiano per la Ricerca sulle Orchidee Spontanee (GIROS) in una recente pubblicazione la riduce al rango di sottospecie con il nome di Ophrys bertolonii subsp. explanata.

Descrizione scientifica da:
http://it.wikipedia.org/wiki/Ophrys_bertolonii_explanata


Torna ai contenuti | Torna al menu