Vai ai contenuti

Martin pescatore

Avifauna > Coraciiformi

Martin pescatore - Alcedo atthis (Linnaeus, 1758)

Femmina - Fiume Simeto "Oasi di Ponte Barca" _ Paternò (CT)
Il Martin pescatore vive e nidifica in Africa nord-occidentale, Spagna meridionale e orientale e Corsica. Questo l’areale di presenza della sottospecie atthis , che abita anche l’Italia centro-meridionale, mentre la parte continentale della Penisola – oltre all’intera area a nord e a ovest di quella occupata dalla sottospecie nominale – è abitata dalla sottospecie atthis ispida . Altre 5-6 sottospecie, poi, completano il quadro della regione paleartica occidentale.
Due i caratteri distintivi che rendono questo uccello inconfondibile. Anzitutto il piumaggio, brillante, sfumato di turchese e verde smeraldo sul dorso, mentre il petto appare di un vivo arancione. Quindi le sue abitudini alimentari: non è raro osservarlo immobile per ore, appollaiato in prossimità dell’acqua, nella quale è solito tuffarsi non appena individuata una potenziale preda.
Come è facile immaginare, la specie ha sofferto parecchio per la progressiva cementificazione di fiumi e torrenti. Altro fattore critico, l’inquinamento, che ha sia impoverito che alterato chimicamente la sua dieta, costituita quasi unicamente da pesce.
Dal peso di appena 40 grammi, il Martin pescatore può ingoiare prede relativamente grandi per la propria stazza, anche di pari o superiore dimensione, per poi “finirle” becchettandole insistentemente su una pietra posta nelle vicinanze dell’acqua. In Italia, la specie risulta di abitudini stazionarie, ma è cospicuo anche il contingente migratore e svernante.

Colori sgargianti tra il blu e il verde smeraldo rendono questa specie inconfondibile. Lo si può osservare spesso appollaiato su un ramo nei pressi dell’acqua, dove – come è facile intuire dal nome che porta – si tuffa abilmente in picchiata non appena individuata la preda. In grado di ingoiare prede relativamente grandi per la sua dimensione, lo si può osservare immobile, per ore, con lo sguardo rivolto all’acqua, in attesa del passaggio di qualche pesce…



Descrizione scientifica da:   
Maschio _ Laghetto Gorgo (AG)
Femmina - Fiume Simeto "Oasi di Ponte Barca" _ Paternò (CT)
Femmina - Fiume Simeto "Oasi di Ponte Barca" _ Paternò (CT)
Femmina - Fiume Simeto "Oasi di Ponte Barca" _ Paternò (CT)
Femmina - Fiume Simeto "Oasi di Ponte Barca" _ Paternò (CT)
Femmina - Fiume Simeto "Oasi di Ponte Barca" _ Paternò (CT)
Femmina - Fiume Simeto "Oasi di Ponte Barca" _ Paternò (CT)
Femmina - Fiume Simeto "Oasi di Ponte Barca" _ Paternò (CT)
Femmina - Fiume Simeto "Oasi di Ponte Barca" _ Paternò (CT)
Femmina - Fiume Simeto "Oasi di Ponte Barca" _ Paternò (CT)
Femmina - Fiume Simeto "Oasi di Ponte Barca" _ Paternò (CT)
Femmina - Fiume Simeto "Oasi di Ponte Barca" _ Paternò (CT)
Femmina - Fiume Simeto "Oasi di Ponte Barca" _ Paternò (CT)
Femmina _ Laghetto Gorgo (AG)
Torna ai contenuti